A. S. Basket Stabio

2a lega

SM Vintage Stabio in vetta alla classifica

(c) basketstabio

Un inizio di campionato a dir poco scoppiettante per i Vintage che conquistano la terza vittoria in altrettante gare disputate. I ragazzi guidati in panchina da Marco Mobelli (esordio nel nuovo ruolo) e Marco Folli hanno confermato le buone impressioni emerse in occasione delle prime due uscite conquistando i due punti in palio grazie ad una buona prova del gruppo.

I momò partono forte e mettono subito il naso avanti, ma i bianconeri non mollano la presa e rimangono in partita. Al 10’, complice un po’ di confusione da ambo le parti, il risultato è in perfetta parità (10-10).

Nel secondo quarto i padroni di casa alzano il ritmo e tentano l’allungo. Le rotazioni innescate dagli allenatori funzionano e i momò mettono il naso avanti, ma la partita è ancora apertissima.

Alla pausa lunga le indicazioni di Mombelli sono chiare: massima attenzione ai dettagli e maggiore intensità per provare ad incrementare il margine di vantaggio. Detto fatto, al rientro dagli spogliatoi il quintetto momò lascia solo le briciole ai bianconeri che faticano a trovare la via del canestro e subiscono un parziale di 28-16 nel terzo periodo.

Partita finita? Neanche per sogno! I bianconeri aumentano l’intensità difensiva (notevoli i contatti e le gomitate tra i lunghi nel pitturato) e provano a rientrare in partita. La pressione a tutto campo, unita ad un paio di distrazioni dei padroni di casa, consente ai Tigers di ricucine il margine fino al -8. Una reazione che non spaventa i momò, capaci di rallentare il ritmo e mettere ordine in attacco.

Una vittoria che da ulteriore spinta alla crescita di un gruppo che sta dimostrando di avere un ottimo potenziale, dentro e fuori dal campo.

SM Vintage Stabio – Lugano Black  65-47
(10-10 / 21-16 / 49 – 32)

Hanno giocato: Mauri 11, Albini, Ballabio 8, Etemaj, Padlina 2, Stephani 13, Krasniqi, Restori 4, Invernizzi 18, Bergomi, Giussani 9.

Nella foto d’apertura: la grinta trasmessa dai coach Mombelli-Folli ai ragazzi in campo

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top